venerdì 29 settembre 2017


Abbiamo appena inviato al Sindaco di San Giorgio del Sannio, come cittadini attivi del Meetup Amici di Beppe Grillo una richiesta DI RIESAME IN AUTOTUTELA dell’Ordinanza nr. 78 del 25/09/2017 .

Pare, infatti, del tutto illegittimo che il Sindaco ordini di inserire“… nel sacco della frazione “secca dei rifiuti non riciclabili” comunemente detta indifferenziata … SOLO oggetti in gomma, carta carbone, oleata, da forno, plastificata, vetrata, polveri e sacchetti di aspirapolvere,giocattoli non elettronici, CD/DVD, cassette audio video, posate in plastica, terracotte e porcellane, cicche di sigarette, penne pettini, calze di nylon,cosmetici, lumini votivi, vasi di piante, polistirolo ….” , dal momento che rimarrebbero fuori da questa lista numerosi altri oggetti d’uso comune non riciclabili che sono normalmente presenti nelle case dei cittadini e che, non essendo presenti nell'ordinanza, risulterebbero ad oggi impossibili da smaltire in alcun modo.

Non si comprende, infatti, dove dovrebbero essere conferiti numerosi altri rifiuti non differenziabili quali : accendini, bastoncini per la pulizia delle orecchie, compresse di garza, batuffoli di cotone idrofilo per struccarsi, bigiotteria, bottoni, cerotti, lamette per la barba, spazzolini, vecchi abiti non riciclabili, vecchie scarpe, panni antistatici, stracci per la polvere e per lavare i pavimenti, articoli vari di cancelleria (come temperamatite in ferro, matite righe e righelli, bianchetti, nastro ed etichette adesive, timbri e tamponi), guanti in lattice, piastrine per zanzare, calamite,salviette per l’igiene personale, profilattici, spugne da bagno e da cucina, custodie e cover per cellulari e tablet e tanto altro ancora, ovvero tutto quello che non è possibile conferire né nell’umido né nella plastica né nella carta né negli ingombranti, nei RAEE, nei pannolini/pannoloni o nel vetro.
Pertanto, abbiamo chiesto al Sindaco, previa sospensione urgente degli effetti dell’ordinanza suddetta e il riesame immediato dell’ordinanza stessa, di procedere al suo annullamento o quanto meno alla revisione dell’elenco presente nell’ordinanza ovvero di modificare l’ordinanza eliminando la parola “SOLO” ed aggiungendo, a corollario del parziale elenco presentato,la frase “… e in genere tutto quello che non è riciclabile e non può essere inserito nella raccolta differenziata”.

N. B. nell'ordinanza si fa riferimento ad un aumento del costo per tonnellata del rifiuto indifferenziato da conferire alla SAMTE da 175.00 a 199.03 euro.
Non è proprio né pensabile né accettabile che per ridurre il costo di smaltimento dell'indifferenziato si riducano le tipologie dei rifiuti da conferire: dove dovrebbero essere messi questi rifiuti che non sono presenti nell'elenco in ordinanza???
E' dovere del Sindaco e degli amministratori non solo ORDINARE bensì soprattutto SENSIBILIZZARE i cittadini alla riduzione dei rifiuti a monte, al riciclo e soprattutto al riuso.
Esistono mie proposte in tal senso fatte al Comune nei mesi scorsi ma per le quali non c'è stata alcuna risposta.
E, cmq, il Sindaco ci dovrebbe ancora spiegare cosa ne pensa del pessimo esempio dato da quegli amministratori che nella giornata di "Puliamo il mondo" hanno mischiato ogni tipo di rifiuti nei sacconi neri senza differenziare alcunché.

mercoledì 13 settembre 2017

Buon anno scolastico! Ma le scuole sono sicure?

Gli alunni delle scuole sangiorgesi hanno bisogno di scuole sicure e non della solita e ormai vetusta lavata di faccia di inizio anno!!!

GENTILI SINDACO E CONSIGLIERE DELEGATO ALLA SCUOLA, A CHE PUNTO SIAMO CON I LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO DELLE SCUOLE???
PARE PROPRIO CHE SIAMO IN
ALTO MARE!!!
Pertanto, dopo la figuraccia dell'anno scorso [abbiamo controllato i documenti e sulla sicurezza è tutto a posto, e invece non c'era il certificato antisismici], quest'anno si è adottata la linea del silenzio...

MA NON PARLARNE NON RISOLVE IL PROBLEMA, ANZI AUMENTA LA SFIDUCIA NEI VOSTRI CONFRONTI!!!

Il Consigliere delegato alla Scuola De Ieso pensa solo alle operazioni di facciata e tace sulla sicurezza delle scuole sangiorgesi!!!

CON L'ARRIVO DI SETTEMBRE ARRIVA IL SOLITO "PANNICELLO CALDO" PER LE SCUOLE SANGIORGESI: FAREMO PROGETTI SULL'EDUCAZIONE AMBIENTALE!!!

PECCATO PERO' CHE CI SI DIMENTICA DELLA SICUREZZA SCOLASTICA BEN LUNGI DALL'ESSERE RAGGIUNTA!!!
IL CONSIGLIERE DELEGATO DE IESO NAVIGA A VISTA, SENZA UN'ADEGUATA PROGRAMMAZIONE E COSì I SUOI COLLEGHI AMMINISTRATORI !!!
LIMITARSI A QUESTE OPERAZIONI DI FACCIATA E' SEGNO DI INCAPACITA' E SIGNIFICA PRENDERE IN GIRO LA GENTE!!!

Apprendiamo dalla stampa che il consigliere delegato alla Scuola Nicola De Ieso sta definendo insieme con il presidente regionale di Legambiente “percorsi progettuali che possano coinvolgere gli studenti dell’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini” a partire dal prossimo appuntamento internazionale di Puliamo il Mondo che si terrà a San Giorgio a metà settembre.
Ottima cosa sicuramente, ma a due settimane dall’inizio dell’anno scolastico ci saremmo aspettati ben altre parole e ben altri progetti per la nostra scuola!
Accogliamo con favore, sia chiaro, le iniziative legate all’ambiente quando sono associate ad un programma annuale, se non pluriennale, di sensibilizzazione ambientale e di tutela del territorio, ma, contemporaneamente ci chiediamo: perché non iniziare l’anno con iniziative legate alla sicurezza sismica, a scuola e nella nostra cittadina in genere?
Certo, non ne dubitiamo, è sicuramente un nobile intento quello di rendere partecipi gli studenti nella tutela del territorio ma è altrettanto sacrosanto il loro diritto a avere ambienti scolastici che non gli cadano sulla testa in caso di sisma!
Sappiamo tutti, infatti, e se c’è qualcuno che non lo sa lo ribadiamo adesso, che, a dispetto del messaggio rassicurante dello scorso anno da parte del consigliere De Ieso,“abbiamo preso visione presso gli uffici tecnici dei documenti che attestano il rispetto di tutte le norme di sicurezza”, anche quest’anno mancano i certificati di agibilità sismica per cui anche quest’anno, le nostre scuole sono sì agibili ma sismicamente vulnerabili.
L’unica differenza è che quest’anno, nello scorso giugno per la precisione, è stata indetta la gara d’appalto per l'affidamento della progettazione definitiva, della progettazione esecutiva dell’operazione e della redazione della relazione geologica e indagini geologiche dell’ “Efficientamento energetico e adeguamento sismico della Scuola dell’Infanzia Istituto Comprensivo Statale Rita Levi Montalcini” e che, nello scorso luglio, è stata nominata la commissione giudicatrice per la valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico ed economico.
Ma i lavori sono ben lungi da iniziare e, comunque, quando inizieranno sarà solo per la Scuola dell’Infanzia mentre le altre scuole chissà quanto dovranno aspettare.
In questa situazione di vulnerabilità, dunque, sarebbe stato un segnale importante riprendere il percorso di collaborazione tra l’Istituto Levi Montalcini e il Comune , con il patrocinio dell’Università del Sannio e dell’Ordine dei geologi, per approfondire ancora il tema del rischio sismico .
O davvero l’Amministrazione e il delegato alla scuola pensano che con i tre o quattro incontri svolti, per lo più tecnici e scarsamente interattivi, per cui poco appetibili per i ragazzi, il tema della sicurezza in caso di sisma o di calamità naturale sia stato trattato esaustivamente?
Sarebbe bastato duplicare il cosiddetto METODO GIAPPONE [http://www.youkosoitalia.net/…/armi-giapponesi-contro-i-te…/], così tanto imitato in America, in Canada e nei paesi scandinavi, e che i cittadini attivi avevano proposto nei diversi incontri avuti con i responsabili dell’UTC, con il Sindaco e nei numerosi scambi di pec già nel 2016, ma tant’è.
Così come sarebbe bastato mantenere le promesse fatte, per iscritto peraltro e con tanto di numero di protocollo, riguardo alla formazione di un gruppo di Protezione Civile Comunale e alla realizzazione e posizionamento della cartellonistica informativa relativa ai punti di raccolta della popolazione.
Probabilmente, però, oggi tira molto di più farsi vedere con la pettorina gialla a pulire un’aiuola insieme ai bambini con guanti e palette piuttosto che fornire alle scuole i kit per la sopravvivenza post sisma e fare una pianificazione dettagliata delle evacuazioni!
Una specie di specchietto per le allodole, insomma, anzi forse anche qualcosa di più, visto che il delegato alla scuola, che è anche delegato all’agricoltura nonché Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione di Coldiretti e Segretario regionale dell’Associazione di Coldiretti Campania Terranostra, sembrerebbe mostrare tutta questa attenzione all’ambiente anche per tenere distante dalla vita politico – amministrativa del paese la questione del glifosato nella nuova villa comunale (se ne parlerà forse in altri luoghi?) nonché la mancata presa di posizione del Comune sulla questione del fipronil nelle uova ancora oggi vendute nei supermercati.
Comunque, mancano ancora due settimane all’inizio dell’anno scolastico: aspettiamo il messaggio inaugurale del consigliere Dei Ieso, magari stavolta riuscirà a stupirci.

martedì 29 agosto 2017

Il Sindaco annuncia una nuova assemblea con il Presidente di Alto Calore Servizi: un'altra presa per i fondelli!!!

Il sindaco comunica alla cittadinanza che a settembre ci sarà una assemblea chiarificatrice con il Presidente di ALTO CALORE.
Ma per chiarire cosa?
Il quadro è già molto ma molto chiaro e da tempo.
l'abbiamo scritto e lo sosteniamo  da oltre un anno e lo ribadiamo ancora:

Dovremmo essere in guerra, una guerra per riappropriarci dell’acqua che Renzi e la Madia prima, De Luca ed Emiliano poi, hanno già deciso che deve essere gestita dai privati, ed invece siamo letteralmente presi in giro dai nostri amministratori, maggioranza e opposizioni.
Il Sindaco vuole chiarimenti da Alto Calore, la consigliera pentastellata pensa alle denunce in procura e agli accordi con la Puglia (solo uno specchietto per le allodole per tenere buoni campani da un lato e pugliesi dall'altro e prendere tempo), il gruppo Ricci tace e altro non può fare avendo perso il finanziamento di 1.900.000 euro per la ristrutturazione e potenziamento della rete idrica.
In tutto questo marasma, i cittadini vogliono soluzioni che ad oggi non ci sono.
E perché non ci sono?
perché la POLITICA NAZIONALE E REGIONALE HA GIA' DECISO, DA ANNI ORMAI, CHE LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO DEVE ESSERE AFFIDATA AI PRIVATI!!!

- Per volere di Renzi e del suo Governo, lo Sblocca Italia (D. L. n. 133/2014, convertito nella Legge n. 164/2014) ha avuto come obiettivo principale la concentrazione dei servizi pubblici locali nelle mani di poche grandi multi-utility capaci di competere all’estero e ha previsto che divenisse “gestore unico” (obbligatorio per ogni ambito territoriale) chi ha già in mano il servizio “per almeno il 25 % della popolazione” ( ovvero A2A, Iren, Hera e la famosa Acea che possiede il 15% delle quote di Gesesa etc) e poi la legge di Stabilità (legge 23 dicembre 2014, n. 190) ha incentivato i Comuni a privatizzare i servizi pubblici a rete (acqua inclusa) attraverso sconti sul Patto di Stabilità interno.

A ciò si devono aggiungere: 
- il Testo Unico sui servizi pubblici locali, decreto attuativo della legge Madia, che nei fatti indica ai comuni come la ripubblicizzazione dell’acqua debba essere solo una delle vie possibili, e ovviamente non la preferibile. Ed in più cancella di fatto anche l’altro referendum, quello sulla tariffa ovvero stabilisce che si tornerà a leggere in bolletta la voce la “adeguata remunerazione del capitale investito, coerente con le prevalenti condizioni di mercato”; 
- la cancellazione dell'art. 6 della Legge per la Ripubblicizzazione dell'Acqua , ovvero l'abolizione di quella norma che prevede che l'acqua sia pubblica, che la gestione dell'acqua sia pubblica e che le infrastrutture dei servizi idrici siano pubbliche.

In Campania, la longa manus del Sottosegretario alle Infrastrutture Del Basso De Caro, riferimento assoluto di Renzi nel nuovo collegio elettorale Sannio – Irpinia, ha presumibilmente avuto, tra le sue missioni, quella di consegnare le sorgenti più importanti dell’Italia meridionale nelle mani di ACEA, ovvero di Caltagirone, che ha in Gesesa il suo presidio sui nostri territori. 
Ecco, quindi, che nel dicembre 2015 viene approvata, in una seduta allucinante del Consiglio Regionale, presieduto, lo ricordiamo, da un'altra fedelissima, di area irpina stavolta, Rosetta D'Amelio, la legge regionale di riordino del servizio Idrico nr. 15/2015, il cui padre è il Consigliere PD Fulvio Bonavitacola.
Questa legge accentra il potere nelle mani di pochi, anzi di pochissimi (un Presidente, un Direttore Generale e 20 membri di un Comitato Esecutivo, i quali governeranno le scelte gestionali di tutti i 550 comuni della regione) per cui i sindaci non hanno alcun potere decisionale.

Questa legge di riordino, inoltre, sin dall'art. 1, si mostra in linea di continuità con gli intenti del PD e del Governo. Nell'art. 1, infatti, si legge “La Regione Campania riconosce che l’acqua è un bene collettivo di origine naturale che va tutelato ed utilizzato prioritariamente per le occorrenze della vita umana […]“
Ebbene, definire l'acqua come bene collettivo, cioè pubblico, e non come bene comune, ovvero un diritto fondamentale della persona umana, non del cittadino, un diritto che è sopranazionale, di interesse collettivo, transgenerazionali, cioè un bene che deve arrivare alle future generazioni, costituisce l'escamotage che consente all'estensore della legge, che nel caso di questa legge regionale ha precisi indirizzi politici nazionali, di sostenere la tesi che l'acqua rimane pubblica anche se la gestione è affidata ai privati, i quali, non essendo dei benefattori gestiranno il servizio nell'ottica del massimo profitto.
Inoltre, l'art. 21 della legge regionale al comma 6 dice: “ai soggetti gestori titolari di affidamenti conformi al regime pro tempore di cui all’art. 172 del decreto legislativo n. 152/2006, al fine di favorire sinergie operative di gestione del ciclo, sono consentite, nel rispetto della normativa nazionale, operazioni societarie volte all’aggregazione e razionalizzazione delle gestioni esistenti, da attuare in conformità a quanto previsto dall’art. 3 bis del decreto legislativo n. 138/2011, anche ai fini della razionalizzazione delle partecipazioni degli enti territoriali (diminuzione delle cosiddette società partecipate)”.

Quindi, in buona sostanza, il discorso è questo: gli obblighi della Legge Regionale nr.15/2015 sono figli di un chiaro intento di Renzi, del Governo e del PD nazionale di far entrare ii privati nella gestione dei servizi pubblici locali.
In virtù di ciò, pur essendoci altre soluzioni diverse dalla fusione, che rimane comunque e sempre una possibilità e non un obbligo, i sindaci del PD e gli esponenti PD locali spingono per questa eventualità.

A questo punto, si inserisce la volontà ormai nemmeno più tanto celata, del Presidente della Regione Puglia Emiliano di creare la più grande multiutility del Sud Italia attraverso la fusione di Acquedotto Pugliese con Alto Calore e Gesesa.
Per farlo è sua intenzione vendere le quote societarie di Acquedotto Pugliese, di proprietà della Regione, ai Comuni, non certo per mantenere l’acqua pubblica ma per favorire la svendita di queste quote ai privati, stante l’indisponibilità economica dei Comuni stessi per il rifacimento e la manutenzione delle reti. Un’ulteriore conferma della volontà di svendere l’acqua è la nomina a Presidente di AQP dell’ing. Nicola De Sanctis, con un recente passato in IREN s. p. a., una delle principali multiutility italiane.
Questo quadro desolante rende ancora più evidente, ove mai ce ne fosse ancora bisogno, che i politici oggi per potersi pagare le campagne elettorali e per poter poi, gestire al meglio quel mondo di mezzo dei tanti Buzzi e Carminati che bazzicano intorno alla politica, devono necessariamente sottomettersi ai poteri forti economico finanziari, banche e multinazionali, che guardano all’acqua come al petrolio del presente e del futuro.

Tutto ciò detto, è evidente , e non mi stancherò mai di dirlo, che la politica, e il PD in particolare, quella stessa politica che ha distrutto Alto Calore, ha creato artatamente la crisi idrica fino a farla giungere ai livelli di disperazione che stiamo vivendo oggi, e questo a partire dagli accordi del 2012, (così come è già accaduto in passato per le numerose crisi dei rifiuti, per l’emergenza incendi, per la ricostruzione post sismica, per la questione migranti) per poter, poi, portare a compimento il proprio piano di svendita dell’acqua, e più in generale, dei servizi ai privati.

E per rendere ancora più critica la situazione e costringere il popolo ad accettare l'ingresso dei privati, purché venga distribuita l'acqua, ci si mette pure De Luca, il quale ha dichiarato più volte, l'utima ad Avellino il mese scorso, che la gestione pubblica è "una bella poesia" e che soldi per la ritrutturazione delle reti non ce ne sono per cui toccherà ai nuovi gestori privati provvedere.
Per esteso la sua dichiarazione è la seguente: "Sull’acqua pubblica ci siamo riempiti la bocca di poesia, ma la verità è che servirebbero centinaia di milioni sulle reti e lo Stato non ha i soldi.
Decidiamo:o ci riempiamo il cuore di poesia o facciamo arrivare l’acqua nelle case".
Tutto chiaro no?
Se la Regione abdica al ruolo di programmare gli investimenti, non potrà che toccare al nuovo gestore.

Alto Calore i soldi non ce l'ha, e proprio nei giorni scorsi i sindacati hanno ancora una vola dichiarato la loro preoccupazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali che sembrano piuttosto a rischio e per gli stipendi che non vengono pagati.
Ecco , dunque, che la soluzione più adeguata è affidare la gestione del servizio idrico ai privati, ovvero la multiutility del Sud di Emiliano che vede al centro degli investitori ACEA, una controllata dalla SUEZ, che distribuisce acqua a 116,4 milioni di persone in tutto il mondo.

In conclusione, l'obiettivo della politica è tenerci in un’emergenza continua per poi proporci la soluzione capestro della gestione privata di un bene che, invece, è un diritto inalienabile dell’uomo!!!

Le cose potranno cambiare solo se il popolo vorrà ribaltare il sistema una volta per tutte, innanzitutto non votando più coloro che ci stanno distruggendo.
Il popolo deve uscire una volta per tutte dal meccanismo perverso del clientelismo, del voto venduto per un favore, del voto dato ai parenti e ai conoscenti legati a questo o a quel politico di professione che magari un giorno viene pure arrestato!
Le crisi, le emergenze, le difficoltà politico amministrative che viviamo oggi, sono senza dubbio figlie di questa scellerata consuetudine e, se ad oggi le cose non sono cambiate ancora, vuol sicuramente dire che al popolo, alla maggioranza del popolo va bene così, va bene essere collusi e complici di coloro che ci stanno portando alla distruzione.

Ad oggi, la cosa più importante che il popolo può fare è innanzitutto non lamentarsi delle condizione in cui siamo perché, attraverso il voto, il popolo stesso ha creato le basi per questa condizione che viviamo oggi. E a nulla servono le interviste televisive, e le riunioni con coloro che sono i primi colpevoli di questa situazione!

COME SEMPRE DICHIARA PADRE ALEX ZANOTELLI, IL POPOLO DEVE ASSUMERSI LA RESPONSABILITA' DI ESSERE IL CUSTODE DELL'ACQUA E DIFENDERE A SPADA IL CONCETTO DI ACQUA BENE COMUNE E DIRITTO PER TUTTI!
PER FARLO, E' NECESSARIO METTERE IN CAMPO TUTTE LE AZIONI PACIFICHE POSSIBILI PERCHE' VENGA RISPETTATO IL REFERENDUM E PERCHE' VENGA SCONGIURATO IL PROGETTO DI PRIVATIZZAZIONE DELLA CAMPANIA E DEL SUD ITALIA.

venerdì 25 agosto 2017

Uova casertane vendute con il marchio TRE COLLI...Ma l'azienda non era sotto sequestro???

AD OGGI LA SITUAZIONE RELATIVA ALLE UOVA AL FIPRONIL E' LA SEGUENTE:

- i lotti di Uova TRE COLLI con scadenza dal 17 agosto al 19 settembre sono stati ritirati dal commercio

- sugli scaffali dei negozi son in vendita confezioni di uova TRE COLLI che contengono uova prodotte a Presenzano in prov. di Caserta

MA SE LO STABILIMENTO E' SOTTO SEQUESTRO COME SI FA A IMPACCHETTARE LE UOVA E POI DISTRIBUIRLE???
E, SOPRATTUTTO, CHI DEVE CONTROLLARE, ASL IN PRIMIS, COSA FA???





ALTRABENEVENTO Comunicato stampa del 25 agosto 2017


Tre giorni fa la ASL di Benevento ha annunciato di aver posto sotto SEQUESTRO lo stabilimento della Azienda Agricola PORCELLI Emanuele Maria di APICE perché solo state trovate tracce di INSETTICIDA pericoloso per la salute.
Il DIRETTORE GENERALE Della Azienda Sanitaria,Franklin Picker ha pure tentato di ASSICURARE i consumatori sostenendo che le uova di tale ditta sono state RITIRATE DAL COMMERCIO.
INVECE ieri con la collaborazione di diversi cittadini abbiamo ACQUISTATO confezioni di "uova tre colli" ANCORA IN VENDITA nei supermercati di Benevento ed abbiamo trovato all'interno UOVA PRODOTTE nel comune di PRESENZANO in provincia di CASERTA.
Com'è possibile?
Come fa lo stabilimento sequestrato a produrre ancora confezioni di uova e metterle in vendita ?
I consumatori comprano uova della azienda agricola di Apice e invece nella confezione trovano uova casertane.
COSA STANNO CONTROLLANDO la ASL e i CARABINIERI del NAS (Nucleo Anti Sofisticazione) ?

Il Presidente - Gabriele Corona

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...